La Cina nel cuore di Napoli: 5 motivi per visitare la mostra sull’Esercito di Terracotta

Era il 1974 quando un gruppo di contadini della provincia cinese di Shaanxi, intenti a scavare un pozzo, portarono alla luce alcune statue: i soldati di Qin Shi Huang, primo imperatore della Cina (246 al 221 a.C.), progettati dall’imperatore stesso affinché nel suo viaggio nell’Aldilà fosse protetto dal suo fedele esercito. L’Esercito di Terracotta è composto da 8.000 statue. 8.000 esemplari a grandezza naturale, tutti diversi tra loro. Soldati, carri, cavalli, armi, armature, calzari: tutti contraddistinti da un dettaglio, un particolare che li rende unici. Si tratta di un documento importantissimo, il cui realismo espresso attraverso i volti, le posizioni, ci ha permesso di comprendere come doveva essere strutturata l’armata del Primo Imperatore che unificò la Cina.   A Napoli è in corso la mostra “L’esercito di Terracotta e il primo imperatore della Cina”, prorogata fino all’8 Aprile, dopo il grande successo riscosso in questi mesi. Ma perché visitare la mostra realizzata a Napoli?

  1. La Cina è lontana e il viaggio da affrontare è lungo e costoso; insomma, non alla portata di tutti! Puoi approfittare della mostra per entrare in contatto con la storia di questo affascinante paese.
  2. Le statue sono riprodotte con la stessa argilla e la stessa tecnica utilizzata dagli artigiani 2.000 anni fa. Un percorso guidato svelerà tutti i procedimenti per la produzione, lasciandoci osservare molto da vicino le tecniche degli artigiani cinesi.
  3. La Basilica dello Spirito Santo (in Via Toledo 402) che funge da scenario, contrasta e al tempo stesso abbraccia la cultura cinese, creando un’atmosfera davvero suggestiva.
  4. Le 170 statue riprodotte e la ricostruzione della fossa n.1, vi permetteranno di fare un salto nel tempo e ammirare quello che doveva essere il maestoso esercito di Qin Shi Huang. Attraverso la mostra, scoprirete che l cultura cinese non è poi così diversa dalla nostra! L’uomo, in Oriente o in Occidente, teme la morte e quel che verrà dopo, e ricerca con ogni mezzo la serenità, il raggiungimento della pace nell’Aldilà.
  5. Il MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli) in collaborazione con la mostra, da diritto ai visitatori muniti del biglietto per la mostra ad uno sconto sul biglietto d’ingresso al museo e viceversa.

Infine, all’uscita dalla mostra, potrete passeggiare tra le folkloristische strade di Napoli e scoprire inaspettate bellezze, magari gustando un’ottima pizza!

 

Rosanna Nappi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: